10 luglio 2010 19:11

Tra le priorità nazionali il villaggio abusivo di Torre Mileto-Schiapparo

Goletta Verde di Legambiente inaugura la sua tappa pugliese a Rodi, in pieno Parco Nazionale del Gargano, per denunciare due dei pericoli più gravi che minacciano il mare e le coste del Gargano: il cemento illegale sul demanio marittimo e le trivellazioni off-shore di petrolio.

In Italia, infatti, l'abusivismo edilizio continua a risucchiare un pezzo di costa dietro l'altro, alimentato dai tre condoni edilizi varati fino ad oggi e dall'effetto annuncio di un quarto ipotizzato nelle ultime settimane dal governo Berlusconi. Anche nell'ultimo anno si sono moltiplicati casi di cronaca riguardanti la costruzione di immobili, anche di lusso, completamente abusivi a due passi da mare. E il fenomeno riguarda sempre di più le aree di maggior pregio.

Esemplare è la storia del villaggio di Torre Mileto, in provincia di Foggia, che sorge a ridosso del Parco Nazionale del Gargano. Un caso di cemento abusivo sul demanio così eclatante e devastante da essere stato inserito nella Top Five nazionale degli ecomostri da abbattere con urgenza stilata da Legambiente.

Una priorità nazionale quella del villaggio di Torre Mileto che, insieme all'albergo di Alimuri a Vico Equense (Na), alle palazzine di Lido Rossello a Realmonte (Ag), alla Palafitta nel mare di Falerna (Cz) e Pizzo Sella, la cosiddetta 'collina del disonore' alle porte di Palermo, fa parte della lista dei cinque ecomostri che Legambiente ha scelto come simbolo dello scempio edilizio sulle coste italiane e della colpevole negligenza degli amministratori locali che non provvedono alle demolizioni dei manufatti abusivi.

'Per sollecitare l'Amministrazione (del comune di Lesina, ndr) a dar seguito alle richieste della Regione e quindi a procedere alle demolizioni e al recupero ambientale dell'area - spiega Franco Salcuni della segreteria regionale di Legambiente Puglia - un anno fa Legambiente ha inviato una lettera aperta al Comune. Stessa missiva è stata mandata anche alle altre 4 Amministrazioni comunali che ospitano la cosiddetta Top Five degli ecomostri, per chiederne la rapida demolizione.

Ad oggi il comune di Lesina è stato l'unico a rispondere, condividendo, almeno a parole, le stesse richieste della nostra associazione. Aspettiamo però che il Comune concluda i passaggi amministrativi e dia finalmente seguito agli abbattimenti annunciati.

Demolire è infatti la parola d'ordine per vincere la guerra contro il cemento abusivo che devasta le nostre coste'. Dalla terra al mare sono tante le perle del Gargano sotto assedio. Le minacce al sistema marino costiero di questo Parco nazionale, infatti, non arrivano solo dal cemento, ma anche dalle trivellazioni petrolifere off-shore.

Ad aggravare la situazione, lo scorso aprile, ci ha pensato il ministero dell'Ambiente, quando l'ufficio Valutazione di Impatto Ambientale del dicastero di via Cristoforo Colombo - contro il parere espresso dalla Regione Puglia - ha dato il via libera alla società petrolifera Petroceltic Elsa, che chiedeva l'autorizzazione per sondare il mare tra il Gargano e le Isole Tremiti, a 12 chilometri dall'arcipelago e a 11 dalla costa, alla ricerca del petrolio. Obiettivo: la ricerca del petrolio a ridosso delle Isole Tremiti dove sorge una delle tre aree marine protette regionali, un importantissimo patrimonio, non solo ambientale ma anche turistico ed economico, che rischia di essere occupato da piattaforme petrolifere.

La Petroceltic Elsa, società petrolifera irlandese, di fatto ha monopolizzato negli ultimi anni le richieste di permessi di ricerca nell'intero specchio di mare compreso tra la costa teramana e le isole Tremiti. Ed ora potrà sondare anche il tratto di mare tra il Gargano e le Isole Tremiti. La società è infatti titolare di due richieste per la ricerca di idrocarburi in questa zona, per un totale di 934 chilometri quadrati di mare.

Nell'eventualità di un incidente con sversamento di idrocarburi in mare, per le nostre coste non ci sarebbe scampo. E la marea nera soffocherebbe anche la Riserva Marina delle Tremiti, vero gioiello dell'Adriatico. A fronte del rischio rappresentato da pozzi e piattaforme, e a fronte del pericolo di nuove piattaforme, l'unico provvedimento preso dal governo italiano a tutela di mare e coste è la 'moratoria' sulle istallazioni entro le 5 miglia dalla costa, o 12 in caso di aree protette marine.

(da Teleradioerre)

Numero di volte letto: 256