01 luglio 2013 22:14

L'artista locale si esibirà al Conservatorio "U. Giordano"

Atteso ritorno sulle scene di capitanata del chitarrista Luca Di Pietro. L'appuntamento è per il 3 luglio, alle 19.30, presso la Sala Concerto Conservatorio 'Umberto Giordano' con ingresso libero. Luca Di Pietro, eclettico chitarrista di origine garganica, si esibirà per il pubblico foggiano proponendo un programma che spazia dall'800 al '900. Il M° Di Pietro, svolge un'intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi come solista in Italia, Spagna, Germania, Giappone, Polonia, Svizzera, Croazia, Francia, Grecia.

In qualità di solista, ha suonato con l'orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano nei teatri di Brescia, Como, Cremona e della prestigiosa orchestra della Radio Svizzera, suonando il Concerto op. 30 di M. Giuliani e il Concerto di Aranjuez di J. Rodrigo. Ha collaborato per il Teatro alla Scala di Milano nella produzione del Falstaff di Giuseppe Verdi diretto da Riccardo Muti con la regia di Giorgio Strehler. Insieme al pianista Roberto Prosseda ha suonato per Radio Tre in occasione del centenario della nascita di Goffredo Petrassi. Ha collaborato in sala di registrazione con i Subsonica.

Ha iniziato gli studi con il M° Giuseppe Somenzari al Conservatorio di Foggia, si è diplomato con il massimo dei voti lode e menzione speciale al Conservatorio "G. Verdi" di Milano con Paolo Cherici. Ha proseguito la sua formazione artistica sotto la guida del M° Ruggero Chiesa.

Studiando con il M° Massimo Laura presso il Conservatorio di Lugano, nel 2000 ha conseguito il "Solistendiplom". Si perfeziona con il M° Oscar Ghiglia presso l'Accademia Chigiana di Siena, ottenendo la borsa di studio. Laureato in Lettere e Filosofia con Indirizzo Musicologico all'Università Statale di Milano, ha collaborato con la Casa Editrice Musicale Sonzogno.

Le sue qualità sono state riconosciute dalle giurie dei più importanti: è stato finalista al Concorso Internazionale di Tokyo, Primo premio al concorso Internazionale di musica contemporanea di Seveso, nell'ambito del quale il M° Aldo Minella (menzionato da Segovia tra i suoi cinque migliori allievi) ha scritto : "Luca Di Pietro ha dimostrato eccezionali qualità musicali unite ad una tecnica di altissimo livello....." (sito del comune di Seveso), primo premio al concorso di Mondovì, Abbiategrasso e Parma, per ben due volte gli è stato assegnato il premio Ruggero Chiesa come miglior interprete di musica dell'Ottocento.

Fonte: Mario Gioiosa per FoggiaToday

Numero di volte letto: 726