01 settembre 2011 15:37

Il mister Luciano: "Dovremo lottare, ma anche giocare bene"

Sarà ancora una volta ai nastri di partenza la Virtus San Nicandro che parteciperà al prossimo torneo di Terza categoria. Lo ha annunciato il presidente Vincenzo Marinacci.

«Dopo l'ottima stagione passata – dice il massimo dirigente - si punta ancora ai piani alti della classifica, l'ossatura è identica a quella della passata stagione con qualche innesto. Saremo tutti locali e con la voglia di lottare per la maglia».

Confermato alla guida tecnica Enzo Luciano. «Ci stiamo attrezzando per formare una buona compagine che sposi questo progetto – dice il mister -. I giocatori che abbiamo interpellato sanno cosa vogliamo ed hanno accettato di affiancarci ancora una volta in questa avventura. Sarà una Virtus che farà dello spogliatoio l'arma vincente».

Si parte dall’organico con i portieri Enzo Marinacci, Stefano Ciavarella e Giovanni Mimmo. Per il reparto difensivo si parte dall’esperto Matteo Giagnorio, Lucio Palma, Daniele De Pilla, Michele La Porta, Matteo Melchionda e Antonio Luciano.

A centrocampo l'incontrastato capitano Giuseppe Zuccaro (che però potrebbe passare in Prima con il San Nicandro calcio) veterano e grande trascinatore della squadra con lui a completare il reparto Antonio Giagnorio, Giuseppe Vocale, Michele Casavecchia, Emanuele Pettellino, Davide Accadia, Luigi Penna e il giovane Michele D’Emma.

Nel reparto avanzato si conta sull'esperienza di Antonio Vocino, Antonio Perta e il nuovo arrivato Nazario Di Lella. A questi potrebbero essere affiancati altri giovani della città. Campionato difficile, ora, anche quello di Terza con squadre blasonate come il Torremaggiore.

«Ci difenderemo ancora - dicono dalla società -, ma in questa stagione lo faremo con molta più esperienza rispetto a quella passata. Cercheremo di sbagliare poco e poi questi giocatori esperti ci daranno una grande mano» ammette il presidente Enzo Marinacci.

Dirigenti sempre animati dalla voglia di migliorarsi e questa idea si sposa perfettamente con il modo d'essere della Virtus. Per i giocatori ancora tanti stimoli. Non lancia appelli, ma regala convinzioni il tecnico Luciano: «Sono orgoglioso della squadra e felice per il patto fatto dai giocatori. Il passo successivo è il più duro: primeggiare non solo in una partita ma in un intero campionato. Comunque l'entusiasmo è enorme. Il legame con questa squadra e questa società va al di là del tecnico: resterò legato a questo gruppo per i momenti intensi».

C’è tanto entusiasmo in casa della Virtus in vista del prossimo campionato di Terza Categoria.“Dovremo lottare, ma anche giocare bene: se no non fai strada” rimarca ancora Luciano.

Antonio Villani

Numero di volte letto: 308