25 ottobre 2012 19:39

Il primato spetta all'altopiano dello Sciliar, completa il podio Stromboli

L'altopiano dello Sciliar, il promontorio del Gargano, il Vulcano di Stromboli, l'Aspromonte, il lago Blu, il lago di Garda ed il monti dell'Uccellina sono, nell'ordine, le 7 Meraviglie Rurali d'Italia 2012 secondo i risultati del sondaggio online lanciato da Toprural, il primo motore di ricerca in Europa per agriturismi e strutture rurali.

La meraviglia rurale piu' votata e' stata l'altopiano dello Sciliar, all'interno dell'omonimo parco naturale in provincia di Bolzano, con il 12,9% delle preferenze. Il promontorio del Gargano, area naturale in provincia di Foggia protetta sin dal 1991, "lo Sperone d'Italia", si e' classificato in seconda posizione con il 10% delle preferenze, seguito dal vulcano di Stromboli con l'8,2%.

Completano l'elenco delle 7 Meraviglie Rurali d'Italia il Parco Nazionale dell'Aspromonte, massiccio montuoso in provincia di Reggio Calabria, il lago Blu (o Lago Layet), piccolo lago di montagna dal caratteristico colore azzurro intenso in prossimita' di Breuil-Cervinia, in Valle d'Aosta, il lago di Garda, il piu' grande d'Italia e cerniera tra Lombardia, Veneto e Trentino- Alto Adige ed i Monti dell'Uccellina, piccola formazione collinare interna al Parco naturale della Maremma.

Nonostante la grande rilevanza naturalistica e l'alta notorieta', sono rimaste esclusi dalla lista delle 7 Meraviglie Rurali paesaggi come i sentieri delle Cinque Terre, in ottava posizione con il 5,5% delle preferenze, il delta del Po, nona posizione con il 5,1%, ed il lago Trasimeno, in quindicesima posizione e meraviglia rurale con solo il 3,1%.

Sondaggi simili sono stati compiuti in Spagna e in Francia: le sette meraviglie prescelte per la penisola iberica sono Picchi d'Europa, Valle di Ordesa, Selva de Irati, Val d'Aran, Valle del Jerte, Nacimiento del Rio Mundo e Sierra de Albarracin. In Francia, Gorges du Verdon, Calanques de Piana, Falaises d'Etretat, Marais Poitevin, Pointe du Raz, Gorges de l'Ardeche, Baie de Somme.

Fonte: agi.it

Numero di volte letto: 894