19 febbraio 2010 17:01

Regolamento dei regimi di aiuto in esenzione per le imprese turistiche

Pubblicato sul Bollettino Ufficiale delle Regione Puglia n. 210 suppl. del 31/12/2009 il “Regolamento dei regimi di aiuto in esenzione per le imprese turistiche”. Il Regolamento disciplina due strumenti agevolativi nel settore turismo:
- aiuti agli investimenti delle Piccole imprese Turistiche;
- PIA Turismo.

Per PIA (Programma Integrato di Investimento) si intende un’iniziativa imprenditoriale finalizzata alla realizzazione di un organico ed integrato complesso di investimenti in attivi materiali ed immateriali finalizzato a migliorare l’offerta turistica territoriale verso obiettivi di destagionalizzazione dei flussi turistici, mediante la realizzazione di Strutture Connesse. Possono accedere ai benefici previsti dallo strumento PIA TURISMO i seguenti soggetti:
- Medie Imprese singole
- Consorzi di PMI

TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO AGEVOLABILI

Sono ammissibili alle agevolazioni programmi di investimento destinati alla realizzazione integrata di:

a. nuove strutture turistico alberghiere, anche attraverso il recupero funzionale di immobili da destinare ad attività turistico-alberghiere, nonché l’ampliamento, l’ammodernamento e la ristrutturazione di strutture turistico-alberghiere esistenti al fine dell’innalzamento degli standard di qualità e/o della classificazione;

b. Strutture Connesse. Sono strutture connesse le strutture, gli impianti o gli interventi attraverso i quali viene migliorata l’offerta turistica territoriale con l’obiettivo di favorire la destagionalizzazione dei flussi turistici e che siano funzionalmente collegati alla struttura ricettiva principale (o in caso di Consorzio ad una pluralità di strutture ricettive) ove viene svolta l’attività, quali:
a) Campi da golf da almeno 18 buche;
b) Porti turistici e Aeroclub;
c) Infrastrutture sportive idonee ad ospitare eventi agonistici nazionali ed internazionali;
d) Centri congressuali o Auditorium dalla capienza minima di 2.000 posti;
e) Primo impianto e/o sistemazione di area a verde di almeno 200 ettari (anche mediante la realizzazione di corsi sportivi, punti ristoro, ecc.) anche di proprietà pubblica, la cui fruizione sia condivisa con la eventuale Amministrazione proprietaria;
f) Recupero di aree urbane degradate e/o inquinate da destinare alla realizzazione di strutture ricettive, congressuali, sportive, culturali e/o ricreative).

c. investimenti concernenti l’acquisizione di Servizi riguardanti i seguenti ambiti di intervento:
a) ambiente;
b) responsabilità sociale ed etica;
c) miglioramento competitivo del sistema turistico.

FORMA E INTENSITA’ DELLE AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

L’aiuto sarà erogato sotto forma di contributo in conto impianti con le seguenti intensità:
- 35% per le medie imprese
- 45% per le piccole imprese

SPESE AMMISSIBILI

Le agevolazioni sono concesse in relazione ai seguenti costi ammissibili:
a) acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni entro il limite del 10% dell’importo dell’investimento in attivi materiali;
b) opere murarie e assimilate;
c) infrastrutture specifiche aziendali, ivi compresi impianti per il risparmio energetico ed idrico;
d) acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie e arredi (incluse anche le spese relative a corredi, stoviglie e posateria purché iscritte nel libro dei cespiti ammortizzabili), nuovi di fabbrica;
e) acquisto di programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa, ivi compresi gli applicativi per la statistica e il collegamento con i sistemi regionali di tele/informazione e tele/prenotazione e la gestione e la sicurezza delle transazioni economiche su reti telematiche (ad esempio applicazioni di e-commerce, applicazioni business-tobusiness, ebooking, web marketing, ecc.), nonché per l’integrazione di questi con gli altri sistemi informativi aziendali (ad esempio: gestione magazzino, prenotazioni, Business Intelligence, Customer Relationship Management).;
f) trasferimenti di tecnologia mediante l’acquisto di diritti di brevetto e licenze, connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
g) spese di studio e progettazione ingegneristica e di direzione lavori nei limiti del 5% dell’investimento.

MODALITA’ DI AMMISSIONE ALL’AGEVOLAZIONE

La procedura per la concessione delle agevolazioni prevede le seguenti fasi:
a) accesso;
b) presentazione progetto definitivo;
c) istruttoria della proposta;
d) concessione delle agevolazioni;
e) attuazione del progetto.

CONDIZIONI PARTICOLARI

Alla data di presentazione della domanda, la Media Impresa ovvero almeno i 2/3 delle PMI consorziate devono aver approvato almeno due bilanci d’esercizio. La Media Impresa proponente ovvero il Consorzio nel suo complesso (ovvero il complesso delle Imprese che partecipano alla sua costituzione) devono aver registrato un fatturato non inferiore a 8 milioni di euro nell’esercizio precedente.

I progetti che prevedono anche la realizzazione degli investimenti in attivi materiali in diverse unità produttive devono prevedere la realizzazione di un unico marchio distintivo, un unico piano integrato di promozione e commercializzazione e un modello di gestione integrata delle attività turistiche.

Il consorzio di PMI può anche essere costituendo al momento della presentazione della istanza di accesso ma deve costituirsi entro e non oltre la presentazione del progetto definitivo, inoltre deve impegnarsi a svolgere in maniera continuativa la propria attività nei cinque anni successivi alla conclusione dell’investimento. Le PMI consorziate devono essere in regime di contabilità ordinaria.

Numero di volte letto: 101