08 marzo 2011 17:53

Non rispettava le prescrizioni imposte dall'autorità giudiziaria

A San Nicandro Graganico i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Foggia hanno tratto in arresto Tatiana Bieling (classe 1987), in esecuzione di ordinanza di aggravamento della misura degli arresti domiciliari emessa dal GIP di Bari.

La stessa era stata gravata da ordinanza di custodia cautelare in carcere nell’ambito dell’operazione denominata “Rewind” coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, che aveva interessato altre 34 persone a vario titolo ritenute resposabili di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Le ordinanze sono state eseguite dal Nucleo Investigativo il 12 maggio dello scorso anno.

Il successivo 27 novembre a Tatiana Bieling erano stati concessi gli arresti domiciliari ma, nel prosieguo delle attività svolte dai militari per il rintraccio di Graziano Pizzarelli , sfuggito alla cattura nel maggio e divenuto nel frattempo latitante per essere poi catturato il 10 febbraio 2011, è stato accertato che la predetta non rispettava le prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria. Comunicate all’A.G. le risultanze il GIP di Bari ha emesso l’aggravamento della misura cautelare disponendo la custodia cautelare in carcere per la ragazza che è stata tradotta, dalla sua abitazione in San Nicandro alla Casa Circondariale di Foggia.

Fonte: Stato Quotidiano

Numero di volte letto: 939