27 luglio 2012 08:41

La giunta comunale delibera a favore del mantenimento del tribunale di Lucera e della sede di Rodi

E’ proprio vero: a volte si rischia di buttare il bambino insieme all’acqua sporca. E, questo è quello che potrebbe accadere al Tribunale di Lucera, se lo schema di decreto legislativo approvato dal governo in materia di revisione della geografia giudiziaria dovesse andare in porto così come impostato. Per impedire che questo accada, il consiglio dell’ordine degli avvocati del circondario di Lucera sotto la sapiente ed appassionata regia del suo presidente Giuseppe Agnusdei, ha adottato numerose iniziative finalizzate a trovare una soluzione alla inspiegabile decisione del governo di sopprimere tutte le sedi distaccate del Tribunale di Lucera ma anche del Tribunale stesso hanno trovato e, non poteva essere altrimenti, l’appoggio di tutte le civiche amministrazioni del circondario.

Tali iniziative attuate attraverso incontri e manifestazioni pubbliche, sono state condivise, supportate ed autorizzate sia dal presidente del Tribunale che da Domenico Seccia, profondo conoscitore del territorio garganico, già magistrato della direzione distrettuale antimafia di Bari con competenza sul Gargano, ed ora Procuratore Capo della Repubblica di Lucera.

Il tasso di impatto della criminalità organizzata tutt’altro che modesto sul territorio di competenza del Tribunale di Lucera, come sottolineato da Seccia, sconsigliano la soppressione del presidio giudiziario.

Ma anche il nostro sindaco Vincenzo Monte già dal suo insediamento si è mosso oltre che per impedire la soppressione di fondamentali presidi giudiziari anche per ottenere l’allocazione di un presidio giudiziario, sia al livello minimo del Giudice di Pace, sul territorio sannicandrese.

Nei giorni scorsi la giunta comunale, condividendo le iniziative del consiglio dell’ordine degli avvocati di Lucera, ha approvato una delibera contenente determinazioni in materia di revisione della geografia giudiziaria facendo proprie le proposte degli avvocati lucerini finalizzate al mantenimento del tribunale di Lucera attraverso il riequilibrio dei circondari di Foggia e Lucera con mantenimento della sede distaccata di Rodi Garganico ed il trasferimento della sede distaccata di San Severo dal Circondario di Foggia a quello di Lucera.

La proposta dovrà essere accettata dal governo, perché oltre che continuerà a garantire il servizio giustizia al nostro territorio senza provocare alcun stravolgimento dei piani di revisione e contenimento della spesa pubblica, consentirà al già martoriato territorio garganico di non subire dei contraccolpi dagli esiti nefasti.

Angelo Ruberto

Numero di volte letto: 388