20 maggio 2010 18:25

Una quarantina in attesa dello “sfratto”

Si è svolta questa mattina la manifestazione presso il Museo Storico, Etnografico e della Civiltà Contadina di San Nicandro Garganico, organizzata dalla locale sezione UDEUR di concerto con i gestori contro lo “sfratto” che il Comune avrebbe imposto al centro studi.

Circa una quarantina i manifestanti, che hanno piantonato il Museo per l’intera mattinata, prima di darsi ad una visita d'occasione nelle varie sezioni etnografiche.

Tra i presenti, come aveva promesso nel suo ultimo comizio, il consigliere provinciale ed ex-sindaco Nino Marinacci che, dopo aver dato ampio respiro alle motivazioni che lo spingono in questa "battaglia" (tra cui presunti giochi di potere dell'attuale Amministrazione comunale), ha guidato la visita al Museo, facendo da cicerone e illustratore delle funzioni degli attrezzi esposti.

"Noi non vogliamo niente da nessuno – è stata ancora una volta la dichiarazione di Carmela Stigliani – Non vogliamo soldi, non vogliamo niente. Vogliamo solo essere lasciati in pace qui dove ci troviamo".

Alla fine della visita, Marinacci ha inteso immortalare l'evento invitando i presenti a firmare il registro delle visite, sotto la frase scritta da lui per l’occasione: “Giornata per la difesa del Museo Civico della Civiltà contadina contro l’insensibilità di uomini privi di memoria”.

In segno di gratitudine, alla fine della manifestazione molti dei presenti hanno mostrato solidarietà ai gestori del museo con una libera offerta.

Piero Vocale

Numero di volte letto: 258