20 giugno 2012 10:28

Prende il posto di Patrizia Zilletti alla guida del club intitolato a "Enzo Manduzio"

Nella favolosa cornice della torre aragonese di Torre Mileto, il 16 giugno scorso, c’è stato il passaggio delle consegne del Presidente uscente Patrizia Zilletti al Presidente del nuovo anno sociale 2012-2013 Gianpaolo Manduzio. Presente l’Assessore alla cultura del comune di San Nicandro Rosa Ricciotti, autorità lionistiche e soci.

Con la cerimonia rituale della consegna del martello, inizia ufficialmente il nuovo anno, il 3° della vita del giovane club. Patrizia Zilletti ha elencato i service realizzati lo scorso anno ultimati ed altri che devono ancora essere portati a termine. Il nuovo presidente Gianpaolo Manduzio ha indicato una serie di obiettivi da raggiungere tra i quali quello dei rapporti con il territorio, con le Istituzioni ma anche e soprattutto con la cittadinanza. Stare più vicini alla gente: non cercare, cioè di portare la cittadinanza verso i Lions, ma fare in modo che siano i Lions ad andare incontro alla cittadinanza, magari anche scendendo nelle piazze con le nostre iniziative, piuttosto che limitarsi a incontri in occasioni di meeting e dibattiti. Importante è riuscire a realizzare un service a livello locale, per poi consegnare in uno spazio che appartenga più alla città che non in una cornice da “serata Lions”.

Il nuovo anno sociale sarà una prosecuzione della storia di questo Club con eventi culturali da proporre sul nostro territorio e altre iniziative: accendere i riflettori sulle varie problematiche della nostra città indicando anche possibili soluzioni, continuare il service della raccolta occhiali usati da donare alle popolazioni dell’Africa, concerto di Natale, manifestazioni teatrali con collaborazione con l’Avis e l’Airc, biblioteca alle Isole Tremiti, la 2^ edizione del Memorial “Enzo Manduzio” in collaborazione del Distretto Leo Puglia e del Multidistretto Italy anche per l’entusiasmante riuscita della 1^ edizione con la Nazionale attori.

Gianpaolo ha ricordato poi che l’appartenenza al Lions non è un distintivo, un segno esteriore di uno status, ma è un progetto interiore, una realtà che ci accomuna, di cui avvertire sempre la presenza dentro di noi. Su di essa si devono modellare i nostri comportamenti per far si che anche gli altri ci avvertano come “Uomini, degni di rispetto e fede”. Questo dovrà essere il compito: testimoniare credibilità come uomini e come Lions per rendere credibile tutte le azioni che nel club si riterrà di promuovere e attuare.

Poi, con lo splendido tramonto sul mare, anche la cerimonia ha avuto termine con il primo appuntamento del nuovo anno alla fine dell’estate.

L’addetto stampa Lions San Nicandro - Matteo Berardi

Numero di volte letto: 782