02 dicembre 2011 13:08

Al via il dialogo con i cittadini e gli stakeholders

Dopo una prima fase di organizzazione e consultazione prende ufficialmente il via lo studio di fattibilità per la realizzazione del “Piano Territoriale dei Tempi e degli Spazi”. Uno studio fortemente voluto dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Puglia e che vede San Marco in Lamis come comune capofila del proprio Ambito Territoriale, Ambito che comprende oltre alla stessa San Marco in Lamis anche i comuni di San Giovanni Rotondo, San Nicandro e Rignano Garganico.

Il Piano Territoriale dei Tempi e degli Spazi, ricordiamo, è uno strumento di pianificazione territoriale atto a razionalizzare l'organizzazione dei tempi del territorio e migliorare le condizioni di fruizione quotidiana dei servizi, attraverso la qualificazione dei programmi di azione per lo sviluppo economico, lo sviluppo urbano sostenibile e l'inclusione sociale, al fine di sostenere le pari opportunità fra uomini e donne e di favorire la qualità della vita attraverso la conciliazione dei tempi di lavoro, di relazione, di cura parentale, di formazione e del tempo per sé delle persone che risiedono sul territorio regionale, anche temporaneamente.

“Gli strumenti e le metodologie che saranno adottate, in questa fase, per la progettazione e la realizzazione del piano finale - afferma il presidente del Coordinamento istituzionale dell’Ambito di San Marco in Lamis, Matteo Ciociola – saranno mirati a raccogliere idee ed esigenze reali attraverso la pianificazione territoriale che porti ad un miglioramento delle condizioni di fruizione quotidiana dei servizi, al fine di sostenere le pari opportunità e il miglioramento della qualità della vita specie quella delle fasce più deboli della società.”

Quest’attività di analisi, studio e ricerca sarà gestita dalla SMILE Puglia – Agenzia per la formazione e lo sviluppo locale e vedrà chiamati in causa tutti gli attori coinvolti quotidianamente nelle problematiche legate ai trasporti, alle aperture dei singoli esercizi commerciali, ai servizi di cura per gli anziani, ai servizi per l’infanzia, alle scuole e alle associazioni in generale, ma allo stesso tempo anche i responsabili politici e amministrativi delle politiche sociali e del lavoro, i rappresentanti dei sindacati e delle confederazioni dei datori di lavoro, i centri per l’Impiego, gli enti di formazione professionale nonché gli operatori sociali nell’Ambito Territoriale di San Marco in Lamis.

Ricordiamo anche, che per qualsiasi informazione c’è uno sportello dedicato, al primo piano del “Centro Aperto Polivalente” nella Villa Comunale di San Marco in Lamis, aperto il martedì dalle 16 alle 18.30 e il giovedì dalle 10.30 alle 12.30.

Comunicato stampa

Numero di volte letto: 259