21 maggio 2011 14:02

Al ballottaggio con il PD, ma a San Marco con il PdL

E' stato il segretario Giannicola De Leonardis ad aprire questa mattina la conferenza stampa del Coordinamento provinciale dell'Unione di Capitanata, nella sede di via Matteotti a Foggia.

«Il risultato che abbiamo ottenuto è eccellente, anche e soprattutto in considerazione del tempo limitato che abbiamo avuto a disposizione per approntare le liste e partecipare alla competizione elettorale in tutti i Comuni interessati. Ma liste di qualità hanno determinato numeri di qualità, e oltre ad aver contribuito in maniera determinante a portare al ballottaggio tutti i nostri candidati sindaco nei Comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti, possiamo già contare su un considerevole numero di consiglieri comunali eletti, destinato a crescere con la vittoria al secondo e decisivo turno», ha ribadito De Leonardis.

Il consigliere provinciale Michele Bonfitto, capolista dell'Unione di Capitanata a San Marco in Lamis, ha parlato della situazione nel Comune al centro dei riflettori, che vede la sfida «tra un onorevole e un personaggio nuovo, una brava persona capace di fare amministrare la città. Il primo turno ha premiato Cera con il 38 per cento dei voti, un risultato ben più modesto rispetto alle previsioni iniziali: e le liste a sostegno dell'onorevole hanno raccolto più voti del candidato sindaco. Diversa la situazione per il candidato sindaco Ciro Nardella, che ha raccolto più voti rispetto alla coalizione che lo sostiene: questo lascia ben sperare per l'esito finale» ha spiegato Bonfitto. Nessun apparentamento in questa fase, ci si rimette alla capacità e libertà di scelta dell'elettorato.

Roberto Augello, coordinatore del partito a San Nicandro Garganico, ha ricordato l'ironia con la quale era stata accompagnata l'aggregazione centrista ("il terzo pollo", venne definita) alla vigilia dell'appuntamento elettorale. «Ci siamo uniti per l'aspetto programmatico e per la scelta del candidato sindaco, e il 30 per cento dei consensi raccolti è stato un successo che ha sorpreso i nostri avversari, così come le 815 preferenze che hanno portato l'Unione di Capitanata ad essere il primo partito della coalizione, staccando di 150 voti il secondo. In queste ora stiamo discutendo con le due liste civiche che si sono presentate al primo turno in ordine sparso, e per aumentare le possibilità di vittoria del nostri candidato sindaco Vincenzo Monte, che verrà comunque sostenuto dagli esponenti dell'intera amministrazione uscente, a partire dal sindaco Costantino Squeo che lo ha ribadito pubblicamente, pur senza apparentamenti ufficiali» ha spiegato.

Fonte: Teleradioerre

Numero di volte letto: 590