21 novembre 2012 18:16

Riconvocato il consiglio comunale

Già ieri, ai microfoni di Teleblu, aveva dichiarato, riferendosi alla sua stessa maggioranza: "dimostrino che vogliono il bene di San Nicandro ed approvino bilancio e piano di rientro.  Solo così possiamo tornare a parlarne". Una sorta di dietro front, quello del sindaco Vincenzo Monte, che nel Consiglio comunale, il consesso democratico e istituzionale più alto, aveva annunciato le dimissioni.

Di fatto, dall'altra sera riunioni e consultazioni varie non hanno conosciuto freno, nel disperato tentativo, da parte di alcuni, di ricomporre il puzzle. E' così che stamattina spunta la riconvocazione in seduta straordinaria e urgente del Consiglio, con gli stessi accapi, naturalmente bilancio compreso. Il tutto sul filo del rasoio: domani è il termine fissato dal Prefetto Latella, trascorso il quale senza l'approvazione, verrebbe nominato un commissario ad acta, con l'incarico di approvare il bilancio e, successivamente, dichiarare sciolto il consiglio comunale fino a nuove elezioni.

Secondo voci di corridoio, si sarebbe trovata l'intesa con alcuni della maggioranza (su cosa, come al solito, non è dato sapere). Mentre il sindaco, si dice, sarebbe intenzionato, prima del consiglio, a chiedere il sostegno anche delle opposizioni che, naturalmente, si erano astenute su un bilancio di cui non condividono molti punti e sul quale, a giudizio di tanti, si sarebbe dovuto responsabilizzare tutti in fase preventiva e non e non "a frittata fatta".

Le prossime ore, dunque, saranno davvero quelle decisive per la sopravvivenza di un amministrazione al momento ferma in sala rianimazione.

Staff sannicandro.org

Allegati