10 agosto 2013 13:59

Vocale, 'ricostruire il partito dai circoli'

Si svolgerà dal 21 al 23 agosto la Festa Democratica del PD di San Nicandro Garganico, l'appuntamento annuale che concilia dibattiti politici con gastronomia. Quest'anno, l'evento avrà un particolare rilievo per l'imminenza del Congresso del prossimo autunno che, anche a San Nicandro, vedrà la sezione di Pozzo Bove impegnata verso una nuova fase, decisiva nel continuare il percorso di ricostruzione dell'alternativa di governo cittadino, già in cantiere da oltre un anno ma evidentemente non sufficiente ad affermarsi alle scorse elezioni amministrative.

«Siamo in un periodo di frontiera, dove le sfide difficili perché improntate ad un alto senso dello Stato, sono passate attraverso il filtro malevolo degli inciuci e della lotta al potere, sminuendo il nostro sforzo di mantenere all'Italia un governo che possa quantomeno riavviarla verso una ripresa concreta». E' questo l'incipit del messaggio augurale del segretario cittadino Matteo Vocale, da poco eletto anche capogruppo in Consiglio comunale.

«E' vero, non si può nascondere il disagio di circa un milione di iscritti che, da uno dei partiti più grandi d'Europa, si aspetta un orizzonte chiaro, ben definito entro i limiti della politica di sviluppo economico e sociale. - continua Vocale - Saluteremo, con questa Festa, la prima stagione del PD, nella prospettiva di un congresso, quello del prossimo autunno, che dovrà darle una volta per tutte queste risposte, tanto per non rischiare di radere al suolo anni di lavoro.

Da questo angolo dell'Italia che è San Nicandro, pensiamo che il PD debba sintetizzare quelle forze riformiste e popolari attorno ad un irrinunciabile denominatore comune: la battaglia culturale per la legalità, per uno Stato più equo, mite con i deboli e intransigente con gli apparati, che ridoni speranza alle generazioni che si affacciano al mondo del lavoro.

E' necessario, però, che questa sfida parta dal basso, laddove il respiro affannoso del disagio è più forte e reale. In questo, anche a San Nicandro Garganico, abbiamo bisogno di unirci attorno ad un tavolo che guardi alle emergenze della città prima e della nazione di conseguenza.

Sia la leggerezza di uno svago genuino a rendervi consapevoli che da questa parte c'è chi vi ascolta tutto l'anno, chi cammina con voi nelle strade di un centro impoverito, chi con voi guarda verso il mare pensando, con voi, che il territorio va sfruttato senza abusi, chi ritiene che si abbiano tutte le carte in regola per condurre le fila di un contesto più ampio. Sia, questa Festa Democratica, una porta aperta per ognuno alla partecipazione, l'ingrediente che forse più ci manca ma che, con un po' di rinnovato impegno, possiamo ritrovare in quantità notevoli».

Ospiti delle tre serate, il vicepresidente del Parlamento europeo Gianni Pittella, l'assessore regionale Elena Gentile e, in ultima serata, un dibattito tra il PD e l'Amministrazione comunale sulle idee per la città.

Comunicato Stampa

Numero di volte letto: 580