27 marzo 2010 13:30

L'Amministrazione taglia i ponti con gli ex socialisti

L'assessore all'Agricoltura, con deleghe alla manutenzione e al verde pubblico, Tommaso Sticozzi, è stato revocato ieri dal suo incarico.

Il provvedimento è stato notificato nella giornata di ieri all'esponente in giunta degli ex SDI, ora confluiti in Sinistra Ecologia e Libertà.

Se ne parlava già da qualche tempo, soprattutto dopo che, nello scorso consiglio comunale, era stato chiesto espressamente un provvedimento dal capogruppo del PD Leonardo Di Monte.

Sticozzi, infatti, sarebbe stato ripetutamente assente ai lavori della Giunta negli ultimi mesi, assenza che era pesata soprattutto per provvedimenti importanti come il piano di rientro del debito con la Mucafer.

Dal canto suo, invece, Sticozzi lamentava una mancanza di dialogo con l'Amministrazione, specialmente in luogo di alcuni provvedimenti di carattere amministrativo.

Già in passato, a circa un anno dall'insediamento dell'amministrazione Squeo, Sticozzi fu revocato dal suo incarico assessorile per mancanza di rappresentante in consiglio comunale, dopo che Antonio Pio Di Monte si dichiarò indipendente defilandosi dallo SDI.

Quindi, nel giugno 2008, con il passaggio allo SDI di Domenico Pantaleo, ex Margherita, si ripresentò il problema politico della rappresentanza dei socialisti in giunta e Sticozzi fu reintegrato.

Con un solo rappresentante in Consiglio, nel 2009, Sticozzi riuscì ad ottenere, oltre all'assesorato, uno dei due consiglieri di maggioranza per l'ASP Zaccagnino, facendo nominare Mario Squeo.

A poco più di un anno dalle prossime elezioni amministrative e alla vigilia del voto per le regionali, dunque, Sticozzi termina la sua esperienza nella giunta Squeo.

La nuova composizione della Giunta sarà comunicata nel prossimo Consiglio comunale. Intanto, sembra difficile che venga individuata un'altra figura assessorile ad un anno dalle elezioni: le deleghe di Sticozzi potrebbero essere ripartite tra gli attuali assessori, tra cui si ipotizzano i nomi di Gambuto e Marrocchella.

Numero di volte letto: 415