19 settembre 2010 12:11

Il PD fa il conto e guarda avanti

Si è conclusa ieri sera la 3^ edizione della Festa Democratica, organizzata dal Partito Democratico di San Nicandro Garganico.

Una tre giorni di dibattiti, musica e gastronomia, cui quest'anno il segretario Riccardo Tricarico ha voluto restituire la location delle prime feste de L'Unità, la villa comunale di Piazza IV Novembre.

Apertura, la prima sera, con un dibattito molto seguito, a cui ha preso parte il Sindaco Costantino Squeo, candidato ed eletto quattro anni fa proprio dal Partito Democratico, e tre rappresentanti della stampa locale (Mario Gioiosa per 'La Mia Città', Enzo Manduzio per 'La Notizia' e Anna Lucia Sticozzi per 'La Gazzetta del Mezzogiorno') che hanno avuto modo di porre delle domande sui quattro anni di amministrazione fin ora trascorsi.

Una forma di dibattito politico nuova per San Nicandro e molto apprezzata dall'uditorio, quasi una chiacchierata, quella tra i giornalisti e il sindaco Squeo, che ha avuto modo di condensare i tratti principali del govenro della città. Sul tappeto, oltre alle realizzazioni (infrastrutture sociali, Pug, Pirp, società pubblica per le energie alternative) e la normalizzazione nei contratti (smaltimento rifiuti, trasporto pubblico) e nella gestione ordinaria (tributi), alcune delle questioni più spinose dell’amministrazione Squeo: dall’impianto complesso, alla situazione finanziaria dell’ente, al significativo numero di assessori avvicendatisi nella squadra di governo, fino alla più recente polemica che riguarda il museo etnografico cittadino.

«Consegneremo alla città un ente con una propria capacità programmatoria, non più commissariato, interrompendo il ciclo che poneva a fronte di ogni sindaco un commissario prefettizio – ha dichiarato il primo cittadino - Abbiamo restituito normalità non solo amministrativa ma anche politica a questa città, attraverso un confronto aperto, spesso anche molto duro, ma civile tra le forze politiche che hanno espresso in consiglio comunale una dialettica ordinaria».

Seconda serata con Paolo Campo, segretario provinciale del PD, che a margine del dibattito sulla situazione politica nazionale e sulle questioni che attengono non solo al PD ma a tutto il centrosinistra che si candida a costituire un'alternativa al governo Berlusconi, ha invitato il PD e il centrosinistra locale a guardare con convinzione e serenità le prossime elezioni amministrative.

Confronto sereno quanto atteso, considerata anche la numerosa partecipazione, quello finale di ieri sera, con gli ospiti giornalisti della prima serata che hanno avuto l'opportunità di offrire all'elettorato un parallelo tra due forze moderate, il PD e l'UDC, che ormai da tempo, a livello nazionale come nel contesto locale, si pongono il problema di un confronto anche in vista di possibili percorsi comuni.

Intervenuti sul palco i segretari Riccardo Tricarico (PD) e Roberto Augello (UDC), che hanno mostrato una intesa sostanziale su molte questioni, in particolare sulle politiche sociali, seppure con qualche differenza di 'forma'. In ultimo, la domanda attesa da tutti, su possibili alleanze per le prossime amministrative, alla luce anche dei reiterati ammiccamenti del PD: «Abbiamo intrapreso un percorso con il locale PDL - ha affermato Augello - e vediamo cosa ne viene fuori, anche alla luce degli ultimi sviluppi.

In sintonia con il nascente Partito della Nazione - ha concluso il segretario centrista - guardiamo ad un'alternativa al bipolarismo e, perciò, non precludiamo il dialogo con alcuno: è presto per dirlo, ma non è escluso a priori, quindi, che anche con il PD si possa arrivare un giorno a percorsi comuni».

E sempre ieri sera, dopo il concerto della cover dei Negramaro, ha avuto luogo l'estrazione dei biglietti della sottoscrizione a premi; questi i numeri: 1° - 1229, 2° - 2003, 3° - 4744, 4° - 4024, 5° - 2046, 6° - 4561.

Staff sannicandro.org

Numero di volte letto: 298