29 novembre 2010 20:23

Un gruppo di imprenditori e professionisti. La presentazione il 5 dicembre

"Aggiungi un posto a tavola", è il caso di dire. Perché a San Nicandro Garganico non poteva essere scontata una competizione, per le ammnistrative del prossimo maggio, tra il sindaco uscente Costantino Squeo (PD, IdV e altre liste) e l'ex sindaco Nicandro Marinacci (Popolari per il Sud e PdL).

Ed ecco che, dopo le ricorrenti voci su un fantomatico "terzo polo", spunta un nuovo movimento, che sarà presentato a Palazzo Fioritto il prossimo 5 dicembre. Fino ad ora si sa solo che trattasi di un gruppo di imprenditori e professionisti, al cui vertice sovrintendono Emanuele Vocale, Costantino Notaro, Pietro Penna, Nazario Peluso ed Vincenzo Manduzio (*).

«Un gruppo di amici impegnati nella vita civile, sociale e culturale e che hanno a cuore le sorti della città, senza alcuna collocazione partitica, quindi puliti e non ricattabili, che hanno convenuto di sposare un progetto nuovo, sano e trasparente, organizzandosi in un movimento civico per dare un’opportunità a quanti non si vedono rappresentati da coloro che hanno agito secondo le vecchie regole e per evitare che forze politiche scellerate facciano danni irreparabili per noi e soprattutto per le generazioni future». E' quanto dichiarano i coordinatori in una nota con la quale escono pubblicamente e annunciano la presentazione del movimento.

Un movimento che non ha ancora un nome ma che avrebbe, invece, almeno qualche idea sul candidato sindaco, tutto di proprio 'marchio' (il movimento non intenderebbe appoggiare coalizioni politiche), che voci di corridoio sempre più acclarate identificherebbero nell'imprenditore Elio Nardella.

«Questo paese - aggiunge il comunicato - non può accettare inerme ciò che la politica spicciola è riuscita ad esprimere ed a proporre per i prossimi cinque anni di amministrazione del Comune. Bisogna reagire assolutamente al fatto che, alle prossime elezioni, saremo chiamati a decidere il futuro del nostro paese, potendo scegliere solo fra due candidati che rappresentano uno il passato prossimo e l’altro il passato remoto».

(*) NOTA: teniamo a precisare che un caso di omonimia ha portato molti a pensare che Enzo Manduzio fosse il giornalista de "La Notizia", che invece è totalmente estraneo al movimento politico

Staff sannicandro.org

Numero di volte letto: 1167