10 aprile 2010 00:27

Nel 16° centenario dalla morte le reliquie del santo iniziano una peregrinatio in diocesi

Sembrerebbe l'anno delle 'visite d'onore', che ben fanno sperare, alla comunità cattolica sannicandrese, circa le grazie spirituali che ognuno chiede.

Dopo le reliquie di S. Teresa di Lisieux, è la volta di S. Severo vescovo e martire, patrono della diocesi omonima di cui San Nicandro Garganico fa parte ormai dal 1986.

L'evento è inserito nella peregrinatio che la diocesi ha voluto far compiere ai sacri resti e al simulacro del santo in occasione del XVI centenario dalla sua morte.

A San Nicandro la statua e le reliquie, che di norma vengono ospitate nella chiesa principale di ogni città della diocesi, arriveranno lunedì 12 aprile, presso la chiesa di S. Giovanni, dove verso le 19,00 si raduneranno tutte le comunità parrocchiali per una processione fino alla chiesa del Carmine, dove il santo rimarrà fino a sabato 17 aprile, essendo la Chiesa Madre chiusa per restauro.

E presso la chiesa del Carmine, un po' come è avvenuto per S. Teresina, trascorreranno cinque giorni di veglie, preghiere e messe.

Con questa peregrinatio, fanno sapere dagli ambienti della Curia vescovile, si intende far conoscere più da vicino e incentivare la devozione al santo patrono della diocesi.

Numero di volte letto: 289