19 agosto 2017 12:20 Eventi di Comunicato stampa

L'ass. culturale Zest e Radio Gamma Stereo riportano la passione per il disco

Ieri, 18 agosto 2017, Palazzo Zaccagnino è tornato indietro nel tempo. Come nel film “Ritorno al futuro”, la vecchia sede comunale è stata trasportata indietro nel tempo grazie al VynilExpo. Merito di questa manifestazione e di questo viaggio “intertemporale”, va all’Associazione Culturale Zest e a Radio Gamma Stereo che, unendo le proprie risorse hanno dato vita all’ edizione 2017 dell’esposizione di dischi a 33 e 45 rpm. Questo evento ideato dai ragazzi del “Rock Lab : a lesson in rock” coordinato da Alessandro Martucci, mancava da Sannicandro dal 2014, dopo aver girato in lungo e in largo i luoghi del nostro paese; a partire dalla prima mostra tenuta all’interno di Torre Mileto, i ragazzi della Zest hanno portato i loro vinili e la loro passione in giro per le vie del nostro Paese (memorabile l’esposizione al quartiere Due Pini) arrivando ad essere invitati dalla Protezione Civile di Lesina per esporre a scopo benefico.

Ebbene, ieri sera la passione del vinile è tornata a bruciare proprio nella centralissima Corso Garibaldi con l’aiuto di Radio Gamma Stereo, coordinata da Giuseppe Giordano e dal Presidente Alessandro Fox giunto apposta da Roma per presenziare al meglio a questo evento. La redazione locale dell’emittente romana ha mostrato alla nuova generazione come si trasmetteva prima dell’avvento di internet e dell’mp3, rispolverando i vecchi piatti giradischi e anche qualche vecchia gloria della radio sannicandrese. Per l’occasione infatti sono stati invitati i vecchi speaker della mitica “Radio Sannicandro 1“ che hanno dimostrato di saperci ancora fare. Innegabile un filo di nostalgia e di commozione da parte delle storiche voci dell’etere sannicandrese nel far risuonare quei vinili che, in gioventù li avevano fatti sognare o portati fuori dalle mura cittadine solo per il tempo di un singolo brano. In quei 4 minuti c’era di tutto se rapportato in un epoca dove non c’era internet e i social; vedere ancora quelle mani alzare e abbassare la puntina del giradischi e manovrare i loro vecchi strumenti, in effetti è da occhioni lucidi.

La mostra del vinile ha presentato molti album rock, pop e italiani che hanno permesso ai visitatori (peraltro numerosi ) di rivangare i vecchi ricordi di gioventù. Dai dischi di AC DC e Led Zeppelin, dai Deep Purple ai Pink Floyd passando per i Queen, hanno trovato spazio anche dischi dei Rockets, Ramones, Metallica, Beach Boys, Sex Pistols, U2, Jimi Hendrix etc etc.

Bella anche la sezione italiana dove sono stati esibiti i quattro album (da Robinson a Montecristo) di Roberto Vecchioni con le copertine disegnate dal nostro conterraneo Andrea Pazienza. Emozione dei visitatori anche sui vinili dei Pooh (Alessandra, album del 1972 , ha riscosso molto interesse).

Lo spazio dei 45 giri per l’occasione risuonati dai Dj di Radio Gamma Stereo, ha tirato fuori dalla valigia dei ricordi tra i tanti successi, una Miele de Il Giardino dei semplici cantata a squarciagola dai presenti, il basso prepotente di Ma quale idea di Pino D’Angiò ballata anche nello spazio antistante alla mostra e il meglio della discomusic anni 70 e 80 con artisti del calibro di Donna Summer, Bee Gees, Tracy Spencer e la ballatissima Boys dell’intramontabile Sabrina Salerno.

Un jingle di Radio Gamma Stereo recita più o meno così : “Trasmettiamo solo emozioni”, beh di emozioni ieri sera al VynilExpo 2017 e a Palazzo Zaccagnino se ne sono avute tante ed il tempo è davvero tornato indietro.

Numero di volte letto: 280