19 agosto 2010 10:31

Serata finale dell'Estate Sannicandrese tra cultura, musica e lo spettacolo pirotecnico sul mare

Chiuderà il cartellone della Estate Sannicandrese 2010 la presentazione del libro di Michele D'Arienzo "S. Maria di Devia sul Monte d'Elio", programmata per questa sera alle ore 20,00 nel parco archeologico di Devia.

Si tratta di un saggio storiografico che ripercorre, attraverso una puntuale ed accurata raccolta dei documenti fino ad ora conosciuti, la storia dell'abitato medievale di Devia e, segnatamente, della chiesa di S. Maria, gioiello del romanico pugliese e baluardo di affreschi del XII-XIV secolo dal gusto bizantineggiante.

Michele D'Arienzo è nato e risiede a Monte Sant’Angelo. Laureato in Lettere classiche all’Università Cattolica di Milano nel giugno 1969, svolge dapprima l’attività di docente nella Scuola media e negli Istituti Superiori di II grado. Dal 1° settembre 2000, dopo il conferimento della qualifica di Dirigente, presta relativo servizio in Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado sino al 31 agosto 2008.

Attento conoscitore della sua terra e delle sue criticità in ambito culturale, è autore di saggi e di opere storiche e demologiche, maggiormente incentrate sui luoghi che hanno fatto la storia del Gargano, con particolare riferimento al Medioevo e al culto micaelico.

Il volume, targato Grenzi Editore, è una preziosa base da tener presente per chiunque voglia avventurarsi negli studi, ancora bisognosi di approfondimenti, che riguardano l'antica città di Devia e la sua chiesa.

La presentazione del libro, sarà anche l'occasione per presentare in anteprima al pubblico i lavori di valorizzazione del parco archeologico di Devia, completati da circa un mese grazie a fondi POR del Parco Nazionale del Gargano, comprendenti l'esproprio dei terreni circostanti il sito, la ristrutturazione di alcuni fabbricati e la messa in opera di un'impianto di illuminazione notturna.

La serata proseguirà a Torre Mileto con uno spettacolo musicale  dell'artista italiano Lorenzo Zecchino e i tradizionali fuochi pirotecnici sul mare.

Matteo Vocale

Numero di volte letto: 151