08 maggio 2014 14:00 Sociale di Redazione

Grande successo per il progetto che segue le orme della Speleoterapia

Domenica 4 maggio si è tenuta, nel territorio di San Nicandro Garganico, la prima edizione pugliese di Diversamente Speleo, iniziativa che si tiene da anni in tutt'Italia. L'organizzazione, a cura del Team Archeo-Speleologico ARGOD, ha visto coinvolte diverse realtà speleologiche regionali quali il Gruppo Puglia Grotte, il Gruppo Speleologico Vespertilio CAI Bari, il Gruppo Grotte Grottaglie e il Centro Altamurano Ricerche Speleologiche, il Gruppo Speleologico Montenero ed il Gruppo Speleologico Sperone. Il tutto è stato patrocinato dalla Società Speleologica Italiana, dalla Federazione Speleologica Pugliese, dal CNSAS, dal Parco Nazionale del Gargano e dal Comune di San Nicandro Garganico, con la collaborazione del Corpo Forestale dello Stato, della Croce Rossa Italiana, del Corpo dei Vigili Urbani.

In una delle più affascinanti grotte del Gargano, Pian della Macina, gli speleologi hanno permesso a sedici persone affette da disabilità di conoscere un nuovo e suggestivo ambiente fatto di nuove percezioni ed emozioni. L'intensità con la quale i diversamente abili hanno vissuto la discesa è stata fortissima così come forte è stato lo stupore degli speleologi di fronte al loro veloce adattamento all'ambiente ipogeo. Il contatto tattile con la roccia bagnata, l'aria umida respirata, il buio dell'ambiente sotterraneo sono state le condizioni "diverse" che hanno permesso di superare le barriere e affermare ancora una volta che tutti abbiamo lo stesso diritto di emozionarci, anche avvicinandoci alla speleologia e vivendola in maniera diversa dal solito.

Presente all'iniziativa anche il Sindacato S.F.I.D.A., con Dino Di Tullio segretario nazionale del sindacato, molto soddisfatto della riuscita dell'evento il quale ha aggiunto: "dopo aver avuto il battesimo dagli amici dell'Argod ho avuto modo di apprezzare il gran lavoro di questi ragazzi e della grande opportunità che hanno donato ai nostri carissimi ragazzi con disabilità . Il tutto è partito dal lontano 2009 quando per primi in Italia e grazie al sempre prezioso impegno di questi volontari hanno donato un'emozione indescrivibile e che solo chi ha avuto modo di vedere con i propri occhi gli sguardi e i volti dei ragazzi può veramente capire. Grazie di vero cuore e l'augurio che vi voglio fare è quello di non fermarvi e di far conoscere ad altri quanto di bello state facendo. Io vi rinnovo come nel 2009 la mia piena disponibilità e collaborazione come padre di un ragazzo con disabilità e come segretario nazionale del Sindacato S.F.I.D.A.. Grazie ancora di tutto."

Non è la prima volta, infatti, che il Team Argod organizza un'iniziativa del genere. Già nel 2009 l'associazione, con la collaborazione della Dott.ssa Angela Nardella, psicologa e psicoterapeuta, era arrivata a un primo progetto sulla "speleoterapia" che aveva visto coinvolti alcuni disabili e successivamente, nel 2011, si era arrivati alla produzione di un documentario.

Secondo il presidente del Team Argod "è stata sicuramente la loro giornata, riuscita del tutto grazie alla passione, alla sinergia e all'impegno dei vari gruppi speleologici, ma è stata anche un'ulteriore esperienza che ha rafforzato di più il legame interno ai soci del Team Argod a poche settimane dall'elezione del nuovo direttivo".

Adesso il Team Argod guarda avanti verso il raduno nazionale Spelaion 2014, che si terrà a Grottaglie dal 30 maggio al 2 giugno, dove verrà presentato il documentario finale di Diversamente Speleo 2014.

 

foto: Team Archeo-Speleologico ARGOD
 

Numero di volte letto: 812