23 febbraio 2018 14:10 Attualità di Giuseppe Scanzano

Giorno 22 febbraio, nell’Auditorium di Palazzo Domenico Fioritto, a San Nicandro Garganico, si è tenuta la presentazione ufficiale di un corso gratuito intitolato: “primo approccio ed assistenza alla persona anziana”, da parte dell’associazione denominata “Un sorriso per tutti”, in collaborazione con lo sportello Cad. Si è registrata la presenza numerosa di molti cittadini sannicandresi ed anche di quelli appartenti a città limitrofe. Ha preso la parola Antonella Cendamo, delegata del CAD (Centro di Ascolto del Disagio) di San Nicandro Garganico, affermando che il suddetto Cad ha voluto, fermamente, organizzare tale evento. La delegata “Cad”, inoltre, ha asserito che ha conosciuto il presidente di “Un sorriso per tutti”, Michele Mininno, durante un corso svoltosi a S. Severo. Questo corso ha aperto un mondo davanti a lei, mettendola in condizione di conoscere non solo gente nuova ma anche di saperne di più sulle varie tecniche del mondo dell’assistenza agli anziani e ai disabili. La Cendamo ha concluso il proprio intervento affermando che, giorno 22 marzo, ci sarà l’assegnazione di un defibrillatore alla scuola intitolata “Piazza Quattro Novembre” della nostra città, e che saranno organizzati altri corsi; il più imminente è quello per il conseguimento del certificato “BLSD”, a pagamento. Il corso “BLSD” sarà svolto dalla Croce Rossa Italiana cittadina. Il sopracitato corso sarà rivolto al personale scolastico di tale scuola e anche agli interessati. Il Presidente Michele Mininno, nel proprio discorso, si è soffermato sull’importanza del sociale. Egli ha posto la propria attenzione sull’importanza del Cad affermando che questo organismo è accessibile a tutti. Mininno ha spiegato che la sua associazione si occupa dell’organizzazione di corsi specializzati per l’assistenza agli anziani ed ai disabili, prettamente a domicilio. Ha concluso il discorso dicendo che egli ripone la propria fiducia nei confronti della Cendamo. A quest’evento è intervenuta anche la dottoressa Di Luzio Raffaella. La professionista ha ringraziato sia Mininno che la Cenamo per la fiducia riposta nei propri confronti. Lei ha asserito che bisogna comunicare in modo semplice con le persone affette da malattie come l’afasia oppure l’Alzhaimer. Di Luzio ha concluso il proprio intervento, illustrando in breve, la patologia dell’Autismo.

Numero di volte letto: 340