09 settembre 2010 11:03

Oltre 300 i partecipanti. Matteo Notarangelo primo.

Per la cronaca sportiva ha vinto per la seconda volta consecutiva Matteo Notarangelo della Libertas Foggia, ma alla «Mezza Maratona di San Nicandro» hanno moralmente vinto ancora i 300 atleti provenienti da tutta Italia che vi hanno preso parte.

«Ha vinto soprattutto il territorio» a detta degli ospiti giunti da lontano: un immagine che resterà a lungo nella mente dei podisti per lo spettacolare paesaggio che hanno incontrato.  E’ stato possibile ammirare le bellezze paesaggistiche naturali che il territorio offre: dal mare Adriatico, agli uliveti, alle Isole Tremiti, al lago di Lesina e quello di Varano. Tra il sesto e l’ottavo km, di fronte, le Isole Tremiti circondate da uno specchio immenso di acqua azzurra.

Senza ombra di dubbio la «Prima Mezza maratona di San Nicandro», organizzata dal Club Atletico San Nicandro del presidente Antonio Florio, si colloca tra le prime manifestazioni della Capitanata, e non solo, dal punto di vista dell’organizzazione, ma anche per una start list di tutto rispetto. «Una gara così non può mancare nel programma gare degli atleti che sanno apprezzare le manifestazioni ben organizzate» dice il presidente del CONI provinciale Giuseppe Macchiarola.

Soddisfatto anche Marco Casone ex azzurro ed ora speaker di tantissime manifestazioni nazionali. «Personalmente ho vissuto piacevolmente questa esperienza sannicandrese – dice l’ex azzurro – : bella l’accoglienza, bella la gara, simpaticissimi i sannicandresi. Quanto da me vissuto è stato il vissuto di ogni partecipante. Questo fa la differenza e porta a dire che la Mezza di San Nicandro ha tutti numeri per essere inserita tra le mezze maratone da fare in Italia».

La gara. Primo assoluto Matteo Notarangelo con un tempo finale di tutta serenità (1h15′19”), subito dietro Antonio Luongo a circa un minuto. L’atleta, reduce dalla gara di Melito Irpino di appena 24 ore prima, ha tenuto fede alle attese. Nulla poteva nei confronti di Notarangelo, ma il secondo posto finale ha comunque confermato che, quando lui è in gara, la classifica lo vede sempre nei primissimi posti.

A completare il podio maschile, e un’ottima gara per lui, Virgilio Mele dell’Atletica Acquaviva. La gara donne ha regalato al crono qualcosa in più. Bravissima Viola Giustino (Amatori Atletica Acquaviva) capace di migliorare il record del tracciato, chiudendo in 1h29′57”. Seconda posizione per la vincitrice dello scorso anno: Mirella Nano. Mirella ha fermato il crono, quando si era a poco più di 1h32′ dalla partenza. Terzo gradino del podio in rosa per Fabiola Spinelli del Team Porto di San Benedetto del Tronto.

La speciale classifica a squadre è andata all’Atletica Padre Pio – San Giovanni Rotondo con il Dopolavoro ferroviario di Foggia che ha dettato legge nella classifica femminile.

Prima dell’arrivo della mezza Maratona gare anche per i giovani: cadetti, esordienti e allievi si sono confrontati in una bella vetrina e belle emozioni per tutti. Tanti i ragazzi di San Nicandro protagonisti sotto la guida tecnica di Felice dell’Aquila. Il presidente Antonio Florio sta mettendo su un gran team giovanile di tutto rispetto.

Soddisfatto il presidente del Coni Giuseppe Macchiarola per l’organizzazione che ha promesso come quella di San Nicandro potrebbe diventare un appuntamento fisso per il podismo di Capitanata con Coni ancora più vicino all’Atletica San Nicandro. «Complimenti da tutti gli atleti per l’organizzazione che ha visto lo staff del presidente Antonio Florio impeccabile in tutto e per tutto» ha detto Macchiarola.

(Antonio Villani per La Gazzetta del Mezzogiorno)

Numero di volte letto: 297