02 giugno 2019 15:42 Ambiente di Matteo Vocale

Polistirolo e retini per mitili più del 90% dei rifiuti portati dal mare

Quasi 200 sacchi riempiti in tre ore, un autocarro della ditta dei rifiuti colmo fino al limite, oltre 50 tra volontari e cittadini: è il bilancio dell'edizione 2019 di Spiagge e Fondali Puliti, organizzata da Legambiente e tenutasi questa mattina (dopo il rinvio da domenica scorsa causa maltempo) a Torre Mileto, nella marina di San Nicandro Garganico. Presenti alla manifestazione anche l'AVERS Protezione Civile, la GialPlast che gestisce l'appalto dei rifiuti nel comune garganico e gli ospiti del Giardino della Gioia, oltre a molti avventori occasionali. Sopralluoghi di saluto alternati, durante tutta la mattinata, del sindaco Costantino Ciavarella, del vicensindaco Antonio Zaminga, dell'assesore all'Ambiente Alessandro Calello, del consigliere provinciale Antonio Zuccaro e dei Carabinieri del Nucleo Forestale del Parco Nazionale del Gargano.

Tutto negativo, invece, il bilancio emerso dai rifiuti raccolti: più del 90% della plastica racimolata è frutto delle attività di pesca, in particolare cassette in polistirolo e gli ormai detestati retini per l'allevamento dei mitili. "Non è possibile che quasi tutta la plastica che porta il mare sia fatta di cassette per il pesce e retini per le cozze - è lo sfogo di un cittadino - sono ovunque, ormai sono più loro della sabbia e degli scogli". "Bisognerebbe attuare una protesta forte - suggerisce con provocazione una ragazza intenta a riempire un sacchetto di rifiuti vari - dovremmo stoppare il consumo di cozze sulle nostre tavole per almeno un mese, così vediamo se si decidono a fare qualcosa". E ancora: "Ma le istituzioni dove sono? - si chiede un giovane volontario - E' questo il biglietto da visita che presentiamo ai turisti in arrivo? Spiaggia e scogli piena di retini e di polistirolo: non ne possiamo più!".

Il tratto di costa da Marina di Lesina a Capoiale, infatti, subisce un apporto periodico e del tutto straordinario di rifiuti marini da tutto l'Adriatico. Le correnti permanenti conducono fin qui ogni tipo di detriti provenienti finanche dalla foce del Po e dalle foci di tutti i fiumi più a sud, trovando un ostacolo naturale sulla costa garganica. A questi, si aggiungono frammenti di polistirolo e, soprattutto, retini per gli allevamenti dei mitili. Questi impianti hanno ormai colonizzato tutto lo specchio di mare a largo della costa settentrionale del Gargano, con autorizzazioni concesse sia dalla Capitaneria di Porto, sia dai Comuni di pertinenza (Lesina, San Nicandro Garganico e Cagnano Varano). Sempre più persone, ormai, addebitano parecchi mutamenti dell'ecosistema costiero agli impianti e le impressionanti quantità di retini che si trovano su spiagge e scogliere non fa altro che aumentare l'insofferenza delle popolazioni nei confronti di queste attività. Nonostante gli impegni assunti a più livelli, ancora nessuna soluzione concreta è stata sia pure avviata per risolvere un problema portato anche agli onori delle cronache nazionali.

"Un'altra bella giornata di sensibilizzazione - il commento del presidente del Circolo Iride di Legambiente, Nazario Bizzarri - in cui abbiamo voluto dire ai cittadini che il mare pulito è più bello e, soprattutto, alle istituzioni che occorre fare qualcosa per liberarci dalla plastica. Ne abbiamo raccolta tantissima e, purtroppo, deriva in maggior parte dalle attività di pesca".

 

Numero di volte letto: 954