04 febbraio 2018 17:31 Politica di Redazione

Gambuto: "evviva la Buona scuola della prof. sfregiata"

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della lista civica "Rinascita cittadina" vertente il tema della "Buona scuola"

Nelle ultime settimane abbiamo assistito, in varie parti d'Italia, ad atti vili nei confronti degli operatori della scuola di ogni segmento scolastico. L'ultimo, quello della professoressa sfregiata da un ragazzo di 17 anni che le ha procurato lo sfregio del viso con 30 punti di sutura, ha dell'incredibile se non addirittura mostruoso ed inquietante.

Oggi molti insegnanti/e(domatori) hanno timore quando entrano in aula( la gabbia dei leoni)in quanto non sanno cosa potrà accadere loro.L' unico obiettivo è quello di uscirne, a fine giornata, indenne da qualsiasi avvenimento nocivo nei loro confronti, attualmente anche fisici.E che dire di quei genitori che sono entrati in palestra ed hanno picchiato il professore di ginnastica fratturandogli alcune costole?Oppure di un insegnante al quale i ragazzi gli hanno legato i lacci delle scarpe ai piedi della cattedra?II docente, al momento di alzarsi e ignaro di tutto, è caduto, a peso morto, a terra andando a finire in ospedale per le cure mediche di una certa entità al viso.

E che dire degli innumerevoli atti di vandalismo effettuati contro le strutture scolastiche con sottrazioni di strumenti tecnologici di elevato valore ( Lim, casse sonore, computer e altro).

Per non parlare degli effetti della Legge n.107 ( Buonascuola)..dirigenti che sempre più si sentono incoronati da chissà quale Imperatore che usano le sanzioni come se fossero noccioline senza capire, forse perchè molti di essi/e non hanno la sfotta idonea, che hanno a che fare con persone alla pari e che confondono l'autorevolezza al posto dell'autorità!!! La scuola per funzionare al meglio ha bisogno di un clima sereno, tranquillo di rispetto tra tra tutti i lavoratori del settore.Oggi più di ieri visto l'alta tensione che vi è tra la Scuola e la Famiglia. Il Dlg. n.62 del 13 aprile 2017 ha messo con le spalle al muro i docenti tutti. La Scuola andrà verso il basso a discapito della meritocrazia, dell'impegno, dell'applicazione e del rispetto delle regole fondamentali per il processo educativo e di crescita di ogni discente.

La politica ogni qualvolta ha messo le mani sulla Scuola ha prodotto più danni che benefici!! Dalla Moratti alla Gelmini, per passare alla Giannini finire con la Fedeli!!!.Per risanare il debito pubblico hanno iniziato a inventarsi le classi pollaio ( che vergogna..e i pedagogisti non hanno speso una parola), ora l'alternanza scuola-lavoro, la non bocciatura nella scuola dell'obbligo, tranne che per la 122 ( numerose assenze ingiustificate anche se come sempre vi sono le deroghe che allargano le maglie).E i bonus premiali...che fanno litigare i docenti creando ad arte il giglio magico di ogni Dirigente? E la discrezionalità di arruolare i giovani docenti? La politica vuol fare le " Riforme" senza comprendere che per farle occorre un tempo di transizione e soprattutto i soldi.

Basta vedere cosa sta accadendo per il contratto della scuola che scade nel 2018 e per dare i soldi, no di aumento, ma per adeguare lo stipendio al costo della vita...ci fanno apparire come dei pezzenti!!E pensare che per i Dirigenti non hanno lesinato denari ( € 440 netti mensili con gli arretrati), ai docenti € 73 lordi mensili in tre anni!!! E che dire del famoso algoritmo che tanti disagi ha prodotto alle famiglie dei docenti smembrando il nucleo familiare?E poi vogliono addossare tutte le problematiche complesse della società alla Scuola. Come se essa fosse la panacea,buona per tutti i mali.

La politica deve sapere ascoltare gli operatori che quotidianamente entrano nelle aule che vivono a contatto diretto coi discenti, con le problematiche della loro crescita e che spesso la famiglia delega alla scuola.Ci ricordiamo quanto accaduto alla docente che nel tema di italiano ha appurato cosa accadeva all'interno della casa e la faccenda si è conclusa col suicidio del padre? E la madre della bambina dice che forse non era vero?

Problematiche agghiaccianti che pesano sul mondo della scuola.Tutti bravi a relazionare, a blaterare ma le mani nessuno vuole sporcarsele.La riforma dell Buonascuola è stata gestita da un signore ( on.Faraone) che è stato per 17 anni fuori corso all'università!!E allora di cosa parliamo?

Meno male che la maggioranza degli operatori scolastici lavorano come le formiche...giorno per giorno trovando la quadra giusta ad ogni situazione sperando sempre che tutto vada per il meglio. Lasciando alle cicale ( i politici di passaggio) di stridulare e di specchiarsi sempre più nello stagno come Narciso...convinti le loro sono tuttologi adatti a risolvere i problemi dei cittadini.

prof. GAMBUTO Antonio -responsabile politico della lista civica " Rinascita cittadina".

 

 

Numero di volte letto: 418