21 aprile 2018 18:18 Sociale di Redazione

"Le parole e le immagini che alimentano la violenza di genere"

Si svolgerà il prossimo 24 aprile, presso Palazzo Fioritto alle ore 17:00 un incontro dal titolo "Donne e mass-media", organizzato dal Centro Antimobbing e stalking Foggia.

«L'evento - si legge nella nota diffusa - vuole porre l'accento sul ruolo che hanno tutti i media e mass media nell'approccio di questo fenomeno criminoso che riguarda il ruolo femminile e maschile. Evitiamo di riferirci alle donne come “soggetti deboli”, vittime predestinate, e agli uomini come “soggetti violenti”, in preda a ineluttabili meccanismi mostruosi. Le donne, lo sappiamo, vengono rese vulnerabili – in determinate condizioni – dalla violenza che gli uomini agiscono.

Insistere su deboli e violenti in una società che ancora tende a crescere le bambine come dolci e gentili e i bambini come forti e aggressivi conferma uno dei pre-giudizi che è alla base della non paritá e alla radice della violenza. Evitare nei titoli delle storie, dei fatti di cronaca, di ricorrere alle solite frasi: raptus di gelosia, omicidio passionale, l’ha uccisa ma l’amava moltissimo. Anzi: perché l’amava moltissimo. E ancora: nessuno avrebbe potuto amarla di più. Sono – appunto – frasi fatte e rifatte da una cultura che pesa sulla libertà delle donne e degli uomini».

Interverranno la consigliera di parità Foggia Antonietta Colasanto, la responsabile del Centro Antimobbing e stalking Foggia Costanza Ciavarella, l'avvocato Giuseppe De Cato e la psicologa Genny Di Carlo.

Numero di volte letto: 224