06 novembre 2018 17:43 Cultura di Concetta Melchionda

Roma - Si sta tenendo in questi giorni e durerà fino al 20 gennaio 2019, nella splendida cornice rinascimentale delle Scuderie del Quirinale, la mostra-evento su Ovidio. Amori,miti e altre storie. Si tratta di uno straordinario itinerario artistico, letterario e concettuale attraverso il mondo aristocratico-intellettuale dell’originale e 
trasgressivo poeta di Sulmona.

La mostra, articolata su due piani espositivi, mette in relazione sia le prime (Amores, Ars amandi, Heroides, ecc.) che la seconda più famosa e conosciuta opera dell’autore (Metamorfosi, ossia storie del divenire) con tutto un complesso iconografico che si snoda dall’età classica (ritratti, pinax, vasi a figure rosse, statue ellenistiche e non) fino all’età rinascimentale e barocca. Meravigliosa e di grande effetto scenico è la contrapposizione speculare tra la Venere di Botticelli, eterea, filosofica ed efebica, e la sensualissima statua, proveniente dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, di Afrodite Callipygia (dalle belle natiche), logo della mostra e simbolo della sorprendente attualità del mondo classico.

E’ un percorso espositivo che coinvolge tutti gli aspetti, come abbiamo detto, sia quello letterario, con la recita video, in una sala a parte, di brani significativi del poeta, sia quello interessantissimo del rapporto conflittuale che egli ebbe con l’intento moralizzatore della politica di Augusto (identificato dall’ enorme statua, presente, sacerdotale di Augusto e di sua moglie Livia) che lo portò, purtroppo, alla condanna all’ esilio. E’ un viaggio imperdibile attraverso il mito, le sue implicazioni letterarie, filosofiche ed eziologiche, la tradizione filologica e la fortuna nelle epoche successive.

Tutto questo alla luce della sorprendente scoperta di un mondo coinvolgente, affascinante e carismatico. Non da ultimo, da non sottovalutare, la splendida vista che si gode dall’ultimo piano espositivo che, da sola, per le emozioni che suscita, vale il prezzo del biglietto.

Numero di volte letto: 132