12 aprile 2013 19:29

Vendute oltre 400 uova pasquali

La vita frenetica di tutti i giorni, le ore che passano velocemente, gli impegni di lavoro, gli impegni del quotidiano, tutti concentrati alla risoluzione dei problemi economici e soprattutto del lavoro e della nostra economia che man mano che passa il tempo va sempre più a rotoli.

Ma se proviamo a fermare per un solo istante le lancette dell’orologio e ci guardiamo attorno, scorgiamo in lontananza progetti utili alla società, alle nostre famiglie, alle tante famiglie di bambini che purtroppo lottano contro mali e malattie che portano via il sorriso dalle loro labbra, dalla loro mente, dal loro cuore, dai loro genitori che con sguardi spenti pregano affinchè il buon Dio intervenga per una guarigione. Ebbene, da più di un anno, la nostra città di San Nicandro Garganico ha ricevuto un dono importante, la sezione periferica di San Nicandro Garganico A.G.A.P.E.

Donare un sorriso ai bambini meno fortunati è lo scopo di Felice e Stefania, presidenti di questa colonna portante impegnata per la ricerca e il sostegno per l’Associazione Genitori e Amici Piccoli Emopatici. I coniugi Totta vedono nel loro tragitto di vita un solo progetto: aiutare i meno fortunati.

Da pochi giorni si è conclusa la vendita delle Uova Pasquali in occasione della Santa Pasqua. Il 2012 la vendita fu chiusa con un numero discreto di vendite, 150 uova vendute. L’anno 2013 chiude la vendita con 400 uova acquistate dalle famiglie sannicandresi sempre pronte a fare beneficienza e aiutare i meno fortunati.

In occasione della riapertura del Cinema Teatro Italia, luogo di interesse e di scambio culturale, l’A.G.A.P.E. di San Nicandro Garganico ha potuto creare uno spazio all’interno del Teatro per la vendita delle uova e soprattutto all’informazione su tutto ciò che questa associazione e i suoi membri fanno.

Anna Maria Fallucchi, donna impegnata da anni nel sociale, nella raccolta fondi per l’AIRC e con tante numerosissime iniziative, ha messo a disposizione tutto ciò che poteva essere utile alla raccolta fondi e la vendita delle uova.

Stefania e Felice Totta, emozionati e fieri dell’impegno assunto insieme ad altri collaboratori, signora Tricarico Incoronata, Ferrandino Filomena, Flena, Di Lella Consiglia, e tanti altri perché sono numerosissimi, spiegano come la sensibilizzazione per i più piccoli è stata importante rinunciando all’acquisto del solito uovo pasquale pubblicizzato in televisione per acquistare un uovo A.G.A.P.E.

Sono questi eventi che regalano sorrisi veri a chi purtroppo ancora lotta per poter guarire e riprendere una vita normale. Questa è un’associazione di genitori di bambini affetti da leucemie e tumori curati presso il reparto Onco – Ematologia Pedriatica del Poliambulatorio Giovanni Paolo II di San Giovanni Rotondo.

La sua storia si riconduce al lontano 1992 per sostenere le famiglie durante il percorso della malattia e rendere meno traumatico il ricovero dei bambini. L’A.G.A.P.E. si propone tre obiettivi: il primo è quello di favorire, in collaborazione con la Casa Sollievo della Sofferenza, lo studio e la cura delle leucemie e dei tumori infantili, organizzando convegni, istituendo borse di studio e favorendo la partecipazione di medici e infermieri a stages di aggiornamento;
il secondo obiettivo è quello di favorire l’applicazione di quella che viene definita l’assistenza globale dei piccoli pazienti e delle loro famiglie, individuando e alleviando i problemi di carattere psicologico, sociale, materiale e logistico; il terzo è promuovere e realizzare la raccolta fondi, risorse e dotazioni, necessarie per sostenere le suindicate attività.

Il 19 aprile 1997 l’A.G.A.P.E. vede l’inaugurazione della casa Ronald, per la prima volta in Italia, a San Giovanni Rotando. La casa Ronald è gestita dalla Fondazione per l’infanzia Ronald McDonald tramite il comitato direttivo della Casa stessa in collaborazione con l’A.G.A.P.E.

La loro missione è quella di dare accoglienza alle famiglie dei pazienti che per determinate e particolari necessità terapeutiche hanno bisogno di una dimora perché lontani dalla loro casa. All’interno dell’Ospedale si è creato un ambiente più accogliente e meno traumatico.

Tutte le stanze sono dotate di televisori, DVD e poltrone letto per le mamme. Da diversi anni per espressa richiesta dell’A.G.A.P.E e l’interessamento della direzione Sanitaria, opera un regolare servizio scolastico istituito sotto forma di Scuola Parificata. Ogni pomeriggio l’A.G.A.P.E. è presente con i suoi volontari in attività ludico – creative per tutti i bambini. Non manca nulla. Videoteca, libreria, ludoteca, giochi di società. E, oltre a tutte queste encomiabili azioni, ad ogni bambino viene riservata una mega festa di compleanno con tutto ciò che allieta una vera festa che si rispetti. Potremmo stare ore e ore a scrivere per l’A.G.A.P.E., ma credo che in queste righe si è capito il lavoro che queste persone svolgono.

Un lavoro serio e puntuale per aiutare i meno fortunati augurandoci sempre che ad ogni impegno preso si possa raggiungere un doppio obbiettivo: riuscita del progetto e vedere un altri bambini fuori dall’ospedale a riprendere una vita normale per poter dire che anch’egli ce l’ha fatta.

Gino Carnevale

Numero di volte letto: 500