19 dicembre 2017 09:36 Sociale di Giuseppe Scanzano

Giorno 16 dicembre, ho intervistato il segretario dell’associazione, in favore dei diritti dei disabili e degli anziani denominata, “Noi come voi”, Giacomo di Tullio. In tale occasione gli ho posto alcune domande.

A: “Giacomo, parlaci del P.E.B.A.”.

B: “Il P.E.B.A. è l’acronimo che sta per Piano di eliminazione delle barriere architettoniche. Questo progetto è previsto nella legge finanziaria del 1986. Esso serve per dare un piano di viabilità ai disabili mettendo in contatto i quartieri delle nostre città italiane. L’approvazione del Peba, da parte dell’Amministrazione Comunale di San Nicandro Garganico, è un evento destinato a lasciare il segno nella nostra comunità poiché non si era, mai, arrivati al raggiungimento di tale scopo, prima d’ora.

A: “Ci sono altre città che si stanno attivando per il raggiungimento dello stesso obiettivo”?

B: “Si. Un gruppo consiliare di San Marco in Lamis ed un altro di S. Giovanni Rotondo stanno presentando una mozione, nei rispettivi consigli comunali, per l’approvazione del Peba. Questi due gruppi politici sono stati informati di tale progetto sia attraverso Sannicandro.org che attraverso il sito istituzionale del nostro comune. Siamo onorati di offrire consigli ad altre realtà per il conseguimento di tale fine”.

A: “A livello cittadino si è arrivati ad una conoscenza effettiva del Peba”?

B: “Il Peba, prima di tutto, è un piano redatto su carta. Non èmolto conosciuto, oserei dire, dai nostri concittadini. Affermo che non appena esso verrà completato, moltissima gente potrà trarre benefici immediati da esso. Stiamo organizzando, in collaborazione con l’Amministrazione comunale della nostra città, un convegno tecnico-scientifico per illustrare le finalità di tale piano alla popolazione”.

Giuseppe Scanzano

 

Numero di volte letto: 184