La tragedia di Marcinelle

La tragedia di Marcinelle

Una delle più gravi tragedie minerarie della storia si verificò l’8 agosto 1956, nella miniera di carbone di  Bois du Cazier (appena fuori la cittadina belga di Marcinelle), alle 8 e 30 del mattino. L'origine...

Perchè il male non trionfi

Perchè il male non trionfi

Riceviamo e pubblichiamo il pensiero del Consigliere Comunale Pietro Paolo Mascione, in merito ai recenti fatti di cronaca accaduti nella nostra città. Più volte, nel corso della mia vita, mi son chiesto dove...

Furto e danni a Palazzo Fioritto

Furto e danni a Palazzo Fioritto

Stamane ho cercato su www.sannicandro.org di sapere cosa sia successo al plesso culturale di Palazzo Fioritto, Nda la Tèrra, ove pare sia stata perpetrata un incursione ladresca nella Biblioteca civica e nel Museo (non ancora si sa...

La prudenza non è mai troppa

La prudenza non è mai troppa

Oggi è Pasquetta, giorno in cui tutti dovrebbero gioire e festeggiare in famiglia e con amici cari. Ma purtroppo ahimè non sempre è così. C'è chi lavora svolgendo un compito importantissimo come...

A guardia alta

A guardia alta

Ancora un altro boato, ancora un’altra notte insonne, ancora paura tra le famiglie di San Nicandro e tanto altro ancora. Viviamo tempi duri sotto il profilo sicurezza, carenza di fondi, terrorismo religioso, organizzazioni criminali...

Nobili azioni o innocue divagazioni?

Nobili azioni o innocue divagazioni?

Leggendo l’articolo su Sannicandro.org a proposito del vile e brutto evento accaduto stanotte nella nostra città, mi è venuta voglia di scrivere questo articolo. E’ il mio primo intervento da opinionista in...

E' ora il momento

E' ora il momento

In riferimento al Vs articolo comparso sul sito il 25 c.m, relativo all’aumento delle discariche abusive, non c’è gran che da meravigliarsi. In questo mese di luglio e, probabilmente, ancor di più, nel successivo...

Il pasticcio del fantasma idrico

Il pasticcio del fantasma idrico

Un qualche pasticcio ha provocato a San Nicandro l’allarme sulla mancanza d’acqua che avrebbe dovuto interessare, tra l’altro, molti comuni garganici il 19, 20 e 21 febbraio scorsi. A seguito di un “Tavolo